Per giocare, i bambini non hanno bisogno di un glossario LEGO®. Sono gli adulti che tendono a catalogare le proprie passioni. Ad esempio, se ti sei interessato a questo post, significa che tu – magari senza saperlo – potresti essere un AFOL. Cos’è un AFOL? La prima voce mini-glossario LEGO.

Acronimi LEGO:

AFOL:

Adult Fan Of LEGO, contratto in AFOL, identifica una persona adulta appassionata di (prodotti) LEGO. Ci sono tanti tipi di AFOL: quello che ama giocare con i mattoncini sfusi (come da bambino), il collezionista maniacale che non apre le scatole, il progettista che inventa creazioni originali.

LDD:

Avete presente CAD (Computer Aid Design)? Ecco, LDD, acronimo di LEGO Digital Designer, è un software 3D che LEGO rilascia gratuitamente e che permette di costruire, a partire da un inventario di pezzi perfettamente catalogati, modelli virtuali. Vi interessa provare?

LUG:

Si dice LUG o LEGO User Group un club locale o regionale che organizza eventi e raduni/incontri per gli appassionati. In Italia sono 15, ma il calendario eventi è sempre ricco.

MISB:

Mint In Sealed Box, nuovo di zecca, in scatola sigillata. È una dicitura che diventa importante nella compravendita di set tra privati collezionisti per definire lo stato della confezione e – quindi – il suo prezzo/valore.

MOC:

Quando un costruttore usa il sistema modulare LEGO per realizzare un progetto senza seguire istruzioni della casa madre, si parla di MOC (cioè My Own Creation). Chiaramente, si può utilizzare più propriamente il termine MOC quando l’originalità o il grado di complessità del progetto si sposano con il concetto di “Creazione”. Provate a fare una ricerca su pinterest (o meglio ancora su google) scrivendo “LEGO” + “MOC” + qualsiasi cosa vi affascini: state certi qualche risultato esce.

UCS:

Ultimate Collectors Series, si tratta di set caratterizzati da notevoli dimensioni, maggiore dettaglio e costo elevato. Nati nel 2000, spesso a tema Star Wars, gli UCS sono set pensati per un target di collezionisti. L’ultimo attesissimo set UCS è stato il Millennium Falcon 75192: con oltre 7.500 pezzi è il più grande modello LEGO che sia mai stato venduto!

LEGO-pick-a-brick

Glossario LEGO.

Ambassador:

La traduzione letterale è, ovviamente, “Ambasciatore”. Il programma LUG Ambassador (già LEGO Ambassador) consiste nella creazione di mediatori tra il LEGO Group e le comunità di fan. Un Ambassador è un AFOL che collabora con la LEGO a titolo gratuito per iniziative e progetti.

Brick:

È il mattoncino modulare base, quello disegnato da Godtfred Kirk Christiansen nel 1958. Uno dei tanti anniversari LEGO. È il pezzo LEGO più famoso in assoluto. In tedesco viene tradotto stein, in francese brique.

BrickLink:

È uno dei siti di compravendita più utilizzati dalla comunità mondiale di appassionati. Su BrickLink si trovano negozi virtuali che offrono sia Set LEGO (nuovi e usati) sia pezzi sfusi utili a realizzare progetti originali. Si crea un account, si inserisce una lista dei pezzi desiderati e si trovano disponibilità e prezzi. Tutto quello che non c’è sullo Shop LEGO, potreste trovarlo su BrickLink.

Dark Age:

Si definisce – melodrammaticamente – Dark Age (Epoca Buia) quel lasso di tempo che trascorre tra quando si smette di giocare con i mattoncini LEGO e quando, magari da adulti, si ricomincia.

Diorama:

Non strettamente legato al mondo LEGO, il termine è utilizzato per descrive scene di grandi formati, come intere città, con veicoli, personaggi. I diorami seguono un progetto, un concetto e una logica interna, ma riconoscibile. Spesso sviluppano i temi proposti dalla casa madre (come i classici Space o i vendutissimi Star Wars) sia quelli di fantasia, magari legati alla cultura POP.

LEGO Store:

È un punto vendita ufficiale LEGO. L’azienda danese è presente in moltissimi paesi e – un po’ come Apple – è stata molto attenta ha progettare un’esperienza d’acquisto simile in tutti i propri store. Ad esempio, con il muro Pick & Build, la zona gioco o la torre per assemblare minifigure a piacimento. Gli store italiani non compaiono in questo elenco, perché fanno parte di una sorta di franchising concesso da LEGO a Percassi.

Minifig:

Con minifig (da minifigure o minifigures) si fa riferimento a tutti i personaggi LEGO, prodotti dalla fine degli anni ’70 a oggi, di dimensioni compatibili con le serie Town/City, Castle, Space, ecc. Gli “omini”, in pratica. Oltre alle minifigure presenti nei set, LEGO produce bustine a sorpresa con una minifigure e i relativi accessori. Dal 2010 a oggi ha prodotto 17 serie con un numero variabile di soggetti a seconda della serie.

Pick-a-Brick:

Una parte (solitamente una parete) nei LEGO Store da cui è possibile comprare mattoncini sfusi a un prezzo fisso (si può riempire un contenitore standard scegliendo pezzi a piacimento tra quelli offerti). C’è anche una sezione omonima sul LEGO Shop, ma con prezzo variabile a seconda del pezzo.

Set:

Scatola di montaggio LEGO. Ogni set è contraddistinto da un codice numerico rappresentativo (quasi sempre a 4 cifre, dal 2013 a 5). Per questo, spesso, sentirete gli appassionati dare i numeri (tipo: “Ho un 75135 MISB da vendere”).

Sorting:

Quando il numero di mattoncini in una casa inizia a essere imbarazzante e la passione si fa seria, si abbandona il “sacco di LEGO” a favore di contenitori più razionali (scatole e cassettiere tecniche): per Sorting, quindi, si intende la divisione e l’ordinamento dei pezzi per tipo, colore, tipo e colore o qualche altro metodo che faciliti la progettazione;

Stud.

È il cilindretto che permette l’incastro tra due pezzi LEGO. Tra AFOL, lo Stud è usato come elemento di misura per i pezzi (per esempio, un mattoncino da 1×8 si può definire “lungo 8 stud”).

Vignette/Vignetta.

Una MOC di piccole dimensioni, in genere 8×8 stud (a volte 16×16), rappresentante una scenetta.

LEGO Minifigure

CC by NC 2.0 – NickPiggott

Per saperne di più su LEGO:

Se questo Glossario LEGO vi è piaciuto, magari vi potrebbe interessare sapere di più su record e curiosità dell’azienda danese.

Sito ufficiale
Negozio online
Canale youtube
Education
Parchi tematici