Genova e San Francisco saranno più vicine. Perlomeno sulla carta. Inizia oggi la missione del nostro Alberto Cappato – Direttore Generale della Porto Antico di Genova S.p.A. – nella metropoli americana. L’obiettivo è quello di dare il via a un rapporto di collaborazione duraturo che, ne siamo certi, farà crescere entrambe le realtà.

Due città, due porti, un unico obiettivo: crescere insieme.

Lavoreranno insieme per crescere, Genova e la Bay Area di San Francisco. Dal punto di vista turistico, da quello ricreativo ed educativo, ma, anche e soprattutto per ciò che concerne tecnologia e risparmio energetico. Tanti argomenti discussi e condivisi e che verranno inseriti in un accordo che sarà siglato dalle due parti il prossimo venerdì 22 settembre (qui da noi saranno le prime luci di sabato mattina).

Mostre in traferta.

I primi passi riguarderanno certamente una collaborazione tra La città di bambini e dei ragazzi e il suo gemello americano Exploratorium per uno scambio tra mostre scientifiche interattive con relativa trasferta del personale scientifico. Un’ottima occasione per aumentare il bagaglio di conoscenze da entrambe le parti.

Crociere e Turismo.

In questa missione si parlerà anche di turismo e – in particolar modo – delle crociere e dell’impatto economico diretto e indiretto che generano sull’economia della città.

Un altro tema importante in agenda è la promozione turistica, con la condivisione di alcuni strumenti di comunicazione e promozione come la nostra WAM, l’app indispensabile per vivere al 100% la nostra città.

Incontro tra waterfront.

Diversi nella loro organizzazione e nella loro storia, i waterfront di Genova e San Francisco, possono trovare nel confronto interessanti occasioni di crescita. Per esempio, partecipando insieme alla prossima conferenza mondiale di AIVP, l’Associazione Mondiale che si occupa delle relazioni porto-città, prevista in Canada a giugno 2018.

In ultimo, tra gli argomenti che saranno oggetto di collaborazione, sono il tema dell’ecologia e dell’energia rinnovabile, argomento a noi molto caro.

Deriva da una delle precedenti missioni in terra americana l’introduzione, all’interno della società, di uno strumento realizzato da Tekpea – azienda fondata da un genovese nella Silicon Valley e che ha aperto i propri uffici europei proprio in Area Porto Antico.

Questa applicazione IOT (internet of things) permette il monitoraggio in tempo reale del consumo e della produzione energetica dell’Area e, in pochissimo tempo, ha già permesso di individuare alcune inefficienze altrimenti difficilmente rilevabili.

La missione di Cappato inizia oggi: la seguiremo insieme con attenzione gli sviluppi sui nostri social Facebook, Twitter e – ovviamente – sulle pagine di questo Magazine.

One Response