Porto Antico di Genova avvia la sperimentazione di una nuova tecnologia di monitoraggio in tempo reale dei consumi d’acqua comune nell’area.

Il momento dell’acqua.

Dopo le numerosi azioni di efficientamento energetico recentemente realizzate dalla Società e l’istallazione di un impianto fotovoltaico da circa 200kw che ha prodotto in poco più di un anno oltre 280 mila kwh è ora il momento dell’acqua.

Porto Antico e Tekpea.

Grazie alla collaborazione avviata con Tekpea nell’agosto 2016, in questi giorni Porto Antico sta testando e configurando una serie di contatori intelligenti che sono in grado di misurare in tempo reale i consumi di acqua dell’area.

Tale opportunità nasce da un’intelligente idea di Davide Tappeiner, un genovese trapiantato in Silicon Valley da oltre vent’anni che Porto Antico, nell’ambito delle proprie azioni di scouting tecnologico, ha scoperto in occasione di una missione in California realizzata nel febbraio dello scorso anno.

La collaborazione, che inizialmente ha generato l’apertura di un ufficio europeo a Genova di Tekpea, è proseguita con l’istallazione di un sistema di controllo real time per il quale, proprio in questi giorni, si stanno terminando le operazioni di test, prima di entrare in piena operatività, con evidenti vantaggi in termini di controllo, gestione, manutenzione e prevenzione perdite nella rete di distribuzione dell’acqua.

Verso una smart area.

Non c’è migliore momento di oggi – Giornata Mondiale dell’Acqua – per comunicare questa piccola, ma significativa realizzazione che consente a Porto Antico di aggiungere un’ulteriore tessera al mosaico che negli ultimi anni la Società sta costruendo al fine di aggiungere alla connotazione ormai consolidata dell’edutainment, quella della smart area.

Internet of things, in pratica.

Al di là degli obiettivi di efficientamento e di risparmio (peraltro non trascurabili in termini di risparmi di risorse economiche), l’iniziativa acquisisce un’importanza particolare in quanto l’Area del Porto Antico rappresenta un luogo nel quale poter comunicare al grande pubblico le potenzialità offerte dallo sviluppo tecnologico ed in particolare delle applicazioni IOT (internet of things).