Continua l’impegno di Porto Antico per affermarsi come location attenta alla sostenibilità ambientale.

Dopo l’introduzione dei pannelli fotovoltaici sul tetto del silos dei Magazzini del Cotone, la promozione della mobilità alternativa in molteplici forme – scooter e biciclette elettriche e con pedalata assistita, segway, navetta elettrica ecologica – e la dotazione di auto elettriche per il servizio di Vigilanza, Porto Antico potenzia la propria capacità di ricarica verde.

Dove trovare le stazioni di ricarica.

Le stazioni di ricarica per automobili elettriche che si possono trovare al Porto Antico sono tre: alla prima – installata da Enel all’inizio dei Magazzini del Cotone a giugno 2013 – se ne aggiungono due di nuova generazione, riservate alle innovative vetture Tesla Motors.

 

Presto una palina Supercharger.

I due punti di ricarica Tesla rappresentano l’inizio della collaborazione tra Porto Antico di Genova S.p.A. e il marchio americano. Nei prossimi mesi, infatti, verrà predisposta una postazione Supercharger, in grado di caricare in soli 20 minuti fino all’80% della batteria del veicolo, per un’autonomia fino a 270 km.

Il progetto Unit-e.

Ricariche veloci e più efficienti in tutta Europa: è questo l’obiettivo di fondo del progetto Unit-e, finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del programma CEF (Connecting Europe Facility) e che vede tra i protagonisti per l’Italia Porto Antico di Genova S.p.A. insieme ai partner ABB e Istituto Internazionale delle Comunicazioni.

Un progetto ambizioso che, entro fine 2017, trasformerà in realtà il sogno dei sempre più numerosi amanti della green energy: collegare tutta Europa da Dublino a Genova, con colonnine di ricarica veloce ogni 50 km.