Non sapete ancora come trascorrere i due giorni festivi di Pasqua e Pasquetta?
Siete invogliati, dalla bella stagione appena iniziata, a fare una gita fuori porta ma vi manca qualche spunto per organizzare qualcosa di divertente che metta d’accordo tutta la famiglia?

Allora, questo articolo fa proprio al caso vostro!

Di seguito troverete qualche nostro consiglio e suggerimento per trascorrere una giornata (o più) alla scoperta delle strutture, delle attività e degli spazi del Porto Antico di Genova, per una Pasqua e Pasquetta in grado di coniugare culturadivertimento e – perché no? – anche una buona cucina.

L’Acquario e i suoi segreti.

Vi consigliamo di iniziare la giornata con una visita all’Acquario di Genova. Sarà un’esperienza unica sia che ci siate già stati, ancor di più se si tratta della prima volta. Un meraviglioso viaggio alla scoperta di creature affascinanti: dai delfini ai piranha, dagli squali ai pesci tropicali senza tralasciare foche, pinguini e tartarughe.

Oltre al normale percorso di visita, nel weekend di Pasqua e Pasquetta è possibile scoprire anche le aree più nascoste e segrete con i percorsi Avventura Acquario e Acquario segreto che vi consentiranno di conoscere il “dietro le quinte” e i progetti di mantenimento e riproduzione in ambiente controllato di diverse specie di animali.

Accompagnati da un esperto, scoprirete come viene allevato il plancton, cosa c’è dietro la vasca della sala espositiva delle meduse e dove si trova la vasca di riproduzione degli animali. Inoltre sarà possibile accedere alle vasche curatoriali e alla nuova area dedicata alle tartarughe Emys orbucilaris ingauna.

Dentro alla Biosfera.

Se, all’uscita dall’Acquario, vi state chiedendo che cosa sia quella strana bolla sul mare è la Biosfera, una struttura di vetro e acciaio che, al suo interno, ospita un ambiente naturale di tipo tropicale. Vale la pena visitarla solo per fare “quattro chiacchiere” con il pappagallo Dust.

Apprendere, attraverso il gioco.

Proseguite la vostra visita e, se state viaggiando in compagnia di bambini, portateli a La città dei bambini e dei ragazzi, una grande struttura che, attraverso il gioco, avvicina i più piccoli alla scienza e alla tecnologia. È possibile costruire una casa, giocare con l’acqua, con le bolle di sapone oppure, i più creativi, possono disegnare sugli schermi touch screen.

Inoltre, sabato 26  e domenica 27 marzo sono previsti i laboratori “Il Signor Albero” (3-5 anni) per imparare a conoscere gli alberi e “Conduttori mostruosi” (6-10 anni) per costruire strane creature luminose.

E per il pranzo? Non solo focaccia.

Dopo tanto movimento, lo stomaco inizia a “brontolare” quindi sedetevi e godetevi la vostra pausa pranzo: sushi, carne, pesce, pasta, pizza nei ristoranti e bar del Porto Antico potete trovare tutto quello che volete. Lasciamo a voi la scelta, però un consiglio ve lo vogliamo dare: cercate la torta pasqualina, un classico della tradizione ligure, sopratutto a Pasqua e Pasquetta.

La torta pasqualina.

Per chi non conoscesse questa ricetta, si tratta di una torta salata ripiena di bietole (talvolta anche carciofi), uova e “prescinseua” una sorta di cagliata tipica. La leggenda vuole che per preparare questa specialità, le casalinghe liguri più esperte utilizzassero addirittura 33 fogli di pasta che simboleggiano gli anni della vita terrena di Cristo.
Gli ingredienti sono semplici ma il procedimento è molto particolare e la rende un  piatto davvero gustoso.

Ricetta Torta Pasqualina

Ingredienti: 8 persone | Tempo di preparazione: 80 minuti

600 gr. di farina – 600 gr. di bietole – 400 gr. di ricotta – 50 gr. di burro – 6 uova sode – 2 uova intere- 50 gr. di pecorino – 50 gr. di parmigiano – 1 bicchiere di latte – Olio extravergine d’oliva q.b. – Sale q.b. – Pepe q.b

L’impasto
Il primo passo necessario per cucinare la torta pasqualina è quello di preparare l’impasto per la sfoglia.
Questo impasto, tipico e simile ad altre ricette per la preparazione di piatti “salati“, si prepara andando a stendere la farina sul piano di lavoro, lavorandola con quattro cucchiai d’olio e il sale e aggiungendo gradualmente l’acqua fino ad ottenere un impasto compatto e leggermente elastico per poi lasciarlo riposare.

Il ripieno
Il passo successivo è quello di preparare il ripieno della torta pasqualina. Lessate per prima cosa le bietole, una volta pronte mescolatele in un contenitore insieme alla ricotta, le uova, il latte, il pecorino e parmigiano.

La cottura
L’ultimo passaggio consiste nel “foderare” la torta pasqualina per poi procedere con la cottura. Ungere lo stampo e successivamente, stendere l’impasto precedentemente preparato, fino ad ottenere una sfoglia sottile. A questo punto coprite con 1/4 della sfoglia la base dello stampo, cercando di far attaccare il più possibile la sfoglia ai bordi dello stampo. Spennellate di olio la prima sfoglia e ripetete l’operazione con un altro 1/4 di pasta. Aggiungete ora il ripieno e stendetelo sulla sfoglia in modo uniforme.
Prima di chiudere la torta per la cottura aggiungere le sei uova sode, facendo prima un “buco” all’interno del ripieno e posizionandole con cura cercando di non romperle.
A questo punto ricoprite il tutto con le altre 2 parti restanti della sfoglia sottile in modo da coprire il ripieno e procedete con la cottura in formo a circa 200° per 40/45 minuti in funzione del calore del vostro forno.

 

Non cedete alla pigrizia: abbiamo ancora tanto da fare.

Dopo esservi rifocillati non cedete alla pigrizia e continuate la vostra giornata sul mare. Raggiungete Piazzale Mandraccio, magari approfittando di un passaggio sulla nostra navetta gialla gratuita e prendete il battello che vi porterà alla scoperta di tre borghi incantevoli: Camogli, San Fruttuoso e Portofino. Paesaggi unici e scenari suggestivi che vi lasceranno senza parole.

Se preferite una rotta più breve, allora il giro del porto di Genova è l’alternativa migliore. Un veloce tour fra calate e banchine alla scoperta delle bellezze e dei segreti di un porto che ha fatto la storia del Mediterraneo.

Per Genova, su un Seagway.

Ma se non avete il piede marino, rimanete sulla terraferma e scegliete di fare un bel giro nel centro storico di Genova in sella ad un agile segway.

Il segway è un mezzo di trasporto elettrico, a due ruote, autoequilibrante. All’inizio forse sarete un po’ impacciati, ma, una volta che avete trovato il giusto ritmo, non vi fermerà nessuno e i vicoli di Genova non avranno più segreti.

Ghiaccio e cioccolato.

Nella giornata di domenica, 27 marzo saranno offerti ai piccoli pattinatori tanti golosi ovetti di cioccolato: un motivo in più per fare qualche piroetta nella nostra pista di pattinaggio su ghiaccio affacciata sul mare.

Seguite il bianconiglio dentro al Museo.

Se non ve la sentite di rischiare, potete visitare la più tranquilla mostra dedicata al racconto “Alice nel Paese delle Meraviglie” ospitata all’interno del Museo Luzzati. L’esposizione comprende circa 120 opere con una duplice visione delle avventure di Alice: la versione di Emanuele Luzzati e quella più “Oscura” di Stefano Bessoni.

Un ultimo suggerimento.

Un ultimo suggerimento che vogliamo darvi è quello di intraprendere un altro incredibile viaggio… ma all’interno del vostro corpo. Eh sì, avete capito bene: al Porto Antico è allestita Body Worlds, una mostra scientifica che vi farà conoscere l’anatomia e la fisiologia del corpo umano attraverso l’osservazione di autentici corpi e campioni anatomici umani, presentati in pose dinamiche per mostrare come lavora il sistema muscolare durante le diverse attività.

Inoltre, se visitate la mostra dal 25 al 28 marzo e conservate il biglietto, potete pranzare o cenare al Ristorante “I 3 Merli” con uno sconto del 10% oppure ottenere un pack di giornata omaggio presso il villaggio fitness Virgin Active di Genova (la promozione è valida presentando il biglietto entro il 31 marzo 2016).

Venerdì 25 marzo prenderà avvio anche la campagna antifumo di Body Worlds: lasciate il vostro pacchetto di sigarette al bookshop della mostra e, in cambio, sarete consolati da un pacchetto di… cioccolatini.

Non ci resta che auguravi Buona Pasqua e Pasquetta.

Speriamo di avervi incuriosito e di esservi stati d’aiuto nel scegliere Genova e l’area del Porto Antico come meta del vostro piccolo viaggio pasquale.

Ovviamente potete personalizzare il vostro percorso in base al vostro gusto e alle vostre esigenze: consultate il sito, sotto la voce “Cosa Trovi” sono elencate tutte le strutture presenti nell’Area Porto Antico.

Vi aspettiamo e auguriamo a tutti voi una Buona Pasqua e Pasquetta.