Il 17 luglio la Liguria incontra l’Oriente; l’Orchestra Bailam porta sul Palco di Piazza delle Feste uno spettacolo nato dal desiderio di ricordare come la collaborazione dei popoli abbia generato una ricchezza culturale senza confini.

Lo spettacolo nasce dall’incontro della tradizione genovese del Trallalero e quella mediorientale del Cafè Amán, due temi che l’Orchestra Bailam ha affrontato con i suoi due ultimi CD: Galata (2013) e l’ultimo Taverne, Cafè amán e Tekès ( 2016).

Un viaggio alla scoperta delle musiche che si suonavano, si cantavano e si ballavano nei locali d’intrattenimento tra ‘800 e ‘900, nei Cafè amán mediorientali e quello che l’Orchestra Bailam ha immaginato, attraverso le sue canzoni, si potesse cantare nelle Taverne della colonia genovese di Galata.

Grazie ad un’organizzazione sociale multietnica e multireligiosa, l’Impero Ottomano fu il vero collante tra le etnie del territorio mediorientale.  Turchi, greci, armeni, arabi, ebrei, zingari, seppure al servizio del Sultano, collaborarono tra loro creando una duratura multiculturalità attenta allo studio delle arti.

Così, mentre alla corte del Sultano e nei monasteri Sufi si coltivavano gli studi della poesia, della musica colta e della musica sacra, nei centri urbani come Istanbul, Smirne, Salonicco, Aleppo o Alessandria erano attivi luoghi d’intrattenimento; le Taverne, i Cafè Amàn e le Tekès posti dove il linguaggio musicale era raffinato, ma, al tempo stesso, diretto e accessibile a tutti.

La musica del mondo, in salsa ligure.

Orchestra Bailam, 25 anni di carriera sui palchi, vuole mettere a contatto il proprio terreno musicale, costituito principalmente dalla cultura musicale del medio oriente, con una delle più suggestive forme di canto a cappella della tradizione genovese, il Trallalero.

L’occasione è fornita da Galata (2013), lavoro che prende il nome di un quartiere di Istanbul, che, da oltre due secoli, costituisce una sorta di Genova mediorientale, un crocevia di traffici, scambi commerciali e culturali fra il capoluogo ligure e Costantinopoli.

Nelle note e nelle parole di Galata troviamo un piccolo campionario dello spirito ligure, una lieve coltre di malinconia mista a dolcezza, orgoglio e ironia il tutto farcito da un ritmo esplosivo che è prerogativa dell’Orchestra.

Influssi mediorientali, melodie e ritmi della musica balcanica.

L’Orchestra Bailam è un progetto musicale e culturale che ha un orecchio all’Oriente e uno ai Balcani; le radici affondano nel rai-algerino la musica tradizionale del Nord Africa, e dopo le prime sperimentazioni orientali, l’Orchestra Bailam si approccia maggiormente alla musica dell’Est Europa, al klezmer balcanico.

Tanti gli spettacoli in tutta Italia e in Europa, che coincidono con le prime registrazioni. Da Mamma li turchi del 1991, si arriva ad Herem Bailam del 2009, per festeggiare i vent’anni di carriera. Dai teatri alle sagre di paese, il loro yiddish medio-orientale trascina le platee, che, divertite, battono le mani a tempo di violino.

Info utili su concerto Orchestra Bailam:

Artista: Orchestra Bailam e Compagnia di Canto Trallallero
Data: 17 luglio 2016
Orario: 21:00
Location: Piazza delle Feste
Rassegna: Genova Porto Antico EstateSpettacolo 2016
Organizzatore: Associazione Culturale Corelli e Associazione Culturale Musica Insieme
Biglietto: Posto Unico seduti
Prezzo: € 13,00 intero; € 10,00 ridotto