Se siete Papà un po’ nerd avrete un sacco di passioni in comune con i vostri figli: i videogiochi, i fumetti, i giocattoli, la TV, i robot, qualsiasi cosa che si possa collezionare, qualsiasi cosa che abbia un ON/OFF.

Per una volta, però, vi suggeriamo di staccare il router, scollegare la console e portare i vostri figli a dare un’occhiata al Porto Antico di Genova. NON con Google Street View.

5 cose nerd in porto antico.

Il mondo, la fuori, è in Full-HD. Vediamo qualche idea per renderlo anche divertente per voi e i vostri bambini.

Disclaimer: I nostri suggerimenti sono 5 e non 42: abbiamo mentito (e non ci fa onore), ma ci sembrava un buon modo per scremare i lettori veramente meritevoli.

1. Divertirsi, documentandosi.

Nessun nerd che si rispetti esce di casa senza avere esattamente l’idea di un territorio e delle possibili alternative che offre. La riprova è che state leggendo questo articolo.

Sappiamo che non avete veramente staccato il router, quindi prima di partire potete studiare le mappe sinottiche dell’Area e navigare il sito in profondità. Salvate qualche preferito, caricate le batterie dei dispositivi mobili e controllate il meteo per essere sicuri di vestirvi in modo congruo.

2. Costruire un aquilone di carta

Occorrente:

  • 1 foglio di carta lucida
  • 1 metro
  • della colla per legno
  • vari fili di seta colorati
  • delle forbici
  • una tronchesina
  • 1 bacchetta di legno spessa 0,5 cm e lunga 1 metro
  • dei colori da carta

Passo 1:

Prendere la bacchetta di legno, che serve per costruire l’armatura dell’aquilone, e tagliatela in due parti così da ottenere due bacchette, una da 60 e l’altra da 40 centimetri. Incrociate le due bacchette nel punto che è a circa 20 cm di distanza dall’estremità superiore della bacchetta da 60 cm e posizionate la bacchetta più piccola in senso ortogonale alla prima e nella sua metà.

Passo 2:

Ottenuta una croce, dovete incollare le bacchette nei punti di incrocio e avvolgere dello spago più volte attorno agli angoli della croce, stringendolo molto. Alle quattro estremità fate un piccolo taglio per far passare lo spago, tenetelo ben teso e legatelo con un nodo in corrispondenza del taglio. Una volta terminata l’armatura, prendete la carta lucida e riportare su di essa le misure della croce, aggiungendo un centimetro a ogni estremità, al fine di consentire un piccolo risvolto della carta sulle aste.

Passo 3:

Decorare la carta come meglio vi dice la vostra fantasia; dopo aver ritagliato la carta, mettetela sulla struttura di legno e risvoltarne i lati. Alla fine, rinforzate le estremità della carta lucida legando attorno ad esse dei fili di seta colorati, incrociati tra di loro. Quindi legate all’estremità inferiore un altro filo che è quello che deve sostenere l’intero aquilone.

Gli spazi in Area dove provare a farlo volare sono tanti, vi consigliamo Calata Gadda che è la zona più ventosa; se per caso il vostro aquilone non fosse riuscito proprio bene, non disperate il 29 maggio potete partecipare all’evento “Voliamo” dove esperti aquilonisti vi daranno delle dritte su come farlo volare al meglio o costruirne uno nuovo.

3. Fare amicizia con Frodo.

Si dà il caso che, alla lettera “B” dell’elenco alfabetico delle strutture, sotto la voce di menù Cosa Trovi, ci sia la Biblioteca Edmondo De Amicis. Di certo, saprete che è una biblioteca comunale completamente gratuita. Non sarà come quella di Minas Tirith, ma è il più grande spazio a Genova dedicato alla letteratura per bambini e ragazzi, con oltre 70.000 titoli di libri: ci troverete Le cosmicomiche, Dune, La Storia Infinita, Il Cacciatore di Androidi. Come dite? Harry Potter?
Ovviamente sì.

La De Amicis, è un posto tranquillo, silenzioso, rilassante dove fare la conoscenza con migliaia di personaggi. Nessuno meglio di voi sa che la passione per la lettura e per le storie si coltiva fin da bambini. Ci vuole grande preparazione e determinazione ferrea per arrivare ad abbattere le 1.221 pagine de Il Signore degli anelli.

4. Scoprire il vero mondo del corpo umano.

Fino a qui non avete speso neanche un centesimo, così ci sentiamo liberi di segnalare che, in questo periodo, è visitabile la mostra Body Worlds – il vero mondo del corpo umano: è un’esperienza intensa, tra arte e scienza, che infiamma la curiosità dei ragazzi e ne aumenta l’interesse per il funzionamento del corpo umano sia dal punto di vista scientifico, sia dal punto di vista artistico.

5. Scegliere il film giusto.

La multisala The Space Cinema è l’ideale per gli amanti del grande schermo. Qui andate sul sicuro: ha una programmazione variegata sia per titoli sia per orario degli spettacoli. C’è la programmazione standard e anche gli extra che, spesso, propongo chicche come documentari, anime, concerti e film intramontabili come Ghostbusters, Ritorno al futuro o Blade Runner.

Qualsiasi sia la vostra opinione in merito, sappiate che, ovviamente, c’è anche il 3D.

In attesa che inizi lo spettacolo, potete investire qualche gettone negli arcade al primo piano e dimostrare a vostro figlio che i vostri riflessi (e la vostra vista) sono ancora quelli di una volta: dopotutto, siete cresciuti a pane e Street Fighter.

La proposta premium, qui, si chiama pop-corn: comprare la giga-confezione, metterla a cavallo delle vostre poltrone e pescare a quattro mani è un’esperienza irrinunciabile.

Cose da portare:

  • Occhiali
  • Ombrello
  • Smartphone
  • Tablet
  • Carica batterie
  • Occhiali 3D
  • Coltellino svizzero

Connessioni familiari.

Questi sono solo alcune delle idee che le Strutture presenti nell’Area del Porto Antico possono offrire alla vostra famiglia. Siamo sicuri che a voi ne verranno altrettante.

Per dei padri un po’ nerd non ci vuole molto a tornare bambini per entrare in connessione con i propri figli: è facile e non servono cavi.