Forse non vi siete mai chiesti quanta energia serve per “animare” un’area grande e complessa come il Porto Antico, con tutte le sue strutture ricreative, i locali, i negozi e anche gli uffici.

Impianti di condizionamento, pompe idrauliche, corrente elettrica e tantissimi servizi richiedono un fabbisogno energetico notevole.

A tutte queste realtà darà energia il nuovo impianto fotovoltaico installato sul tetto dell’autosilo dei Magazzini del Cotone e che è entrato in funzione lo scorso 23 novembre.

Dal sole un’energia sempre più verde.

Cambiano le esigenze del Porto Antico e cambia anche l’aspetto del tetto dell’autosilos, ai Magazzini del Cotone.

Quella che a prima vista può sembrare una copertura per le auto parcheggiate, in realtà è una struttura metallica al quale sono fissati ben 756 moduli fotovoltaici policristallini da 255Wp per una potenza totale di 192,78 KWp.

Una scelta sicuramente etica, ma anche economica, se si considera che l’impianto fotovoltaico – realizzato da Ravano Power – sarà in grado di generare circa 210.000 KWh/anno, permettendo un risparmio annuo di circa € 34.900,00.

Gli interventi sono stati inoltre l’occasione per una sostituzione integrale delle luci del silos con nuove lampade led, che permetteranno una riduzione del 43% dei consumi a fronte di un notevole incremento di luce e di una maggiore percezione di sicurezza per le persone.

Un’energia che cambia.

L’impianto fotovoltaico è solo l’ultima delle soluzioni introdotte nel Porto Antico per rendere l’Area più verde e sostenibile.

Negli ultimi anni è stato infatti installato un impianto di illuminazione a basso consumo, grazie alla partecipazione al progetto europeo Illuminate, impianto che ha migliorato l’illuminazione dell’area dei Magazzini del Cotone e del Bigo con un importante risparmio, nell’ordine del 67%.

Le innovazioni smart sono anche nel campo dei convegni, grazie a politiche di sostenibilità adottate da anni ormai dal Centro Congressi: risparmio energetico, corretto smaltimento dei materiali di risulta e un catering sostenibile e solidale.

E infine il sostegno che da sempre viene dato alla mobilità alternativa: al Porto Antico infatti è facile veder passare la navetta gialla, gratuita e totalmente elettrica, che porta da una parte all’altra dell’Area; il Servizio di Vigilanza sfreccia ecologico e silenzioso su auto elettriche, e i visitatori possono affittare scooter o auto elettriche o biciclette a pedalata assistita.

Questi sono i nostri primi, piccoli-grandi passi per rendere Genova più sostenibile e contiamo di potervi comunicare in futuro altre novità “green”.