Tutto esaurito, pe u Lastregu.

Ore 20:00. Maurizio Lastrico fa le ultime prove tecniche sul palco di Piazza delle Feste e fuori una lunga coda attende l’apertura della biglietteria.

I posti a sedere sono esauriti, ma i fan non abbandonano la speranza di poter entrare e trascorrere una serata di sana allegria, con gli sketch esilaranti del nostro concittadino.

Attesa premiata.

Il teatro è strapieno anche sui gradoni laterali: tutto esaurito e tutti pronti.
Ore 21.30: lo spettacolo ha inizio.

Risate a crepapelle.

Esordio: il concepimento di papà e mamma Lastrico, la nascita, gli anni della scuola, il militare, i primi appuntamenti amorosi. Rime dantesche si alternano a battute in genovese.

In scena un pezzo di vita di tutti noi, un boato al termine di ogni racconto.

Genovesità a tutto tondo.

Personaggi della sua terra d’origine: Sant’Olcese protagonista con la figura del parroco, la vera musa ispiratrice dell’artista che, dopo il diploma, ha costruito la sua carriera partendo dal Teatro Stabile di Genova e facendo della sua genovesità il punto forte dei personaggi che lo hanno reso famoso.

Continua lo spettacolo con le battute degli anziani al bar che commentano, in dialetto, le abitudini dei giovani d’oggi confrontandole con le loro.

Due ore di spettacolo che passano in un lampo. Uno scroscio di applausi accompagna l’uscita di scena dell’artista, che si è poi intrattenuto a lungo con amici e fan, per selfie e firme di autografi.

Ridiamo ancora con i comici, genovesi e non.

Questo era solo il primo dei tanti bravi comici che avremo modo di applaudire quest’estate. Non perdete i prossimi appuntamenti con la rassegna Ridere d’Agosto, ma anche prima, e segnate in agenda, come lo stesso Maurizio Lastrico ci ha suggerito, lo spettacolo con Lillo e Greg del 22 luglio e la serata Bruciabaracche Live Show del 28 luglio.