70.000 grazie!

Un successo senza precedenti: più di 70.000 persone, una folla ininterrotta che per tre interi giorni si è emozionata, divertita e messa alla prova nella decima edizione della Festa dello Sport.

Prove libere, tornei e tanto spettacolo.

Tanti hanno solo osservato, ma più di 15.000 sono stati partecipanti attivi della Festa. Tra questi, 1.000 orgogliosi bambini hanno riconsegnato compilata la loro scheda di partecipazione: per alcuni c’era solo qualche solitario timbrino, ma la maggior parte ha collezionato un numero altissimo di firme e timbri meritando la borraccia o la maglietta ufficiale.

70.000 persone, 15.000 partecipanti attivi, 1.000 bambini, 800 immersioni subacquee

Tantissimi hanno partecipato ai tornei di basket e volley organizzati dalla federazioni, alla Baby Maratona o alla corsa il Miglio Blu, ma ancora di più si sono fermati davanti ai palchi per assistere, di mattina, di pomeriggio e anche di sera, alle esibizioni sportive dei giovani atleti liguri oppure per incontrare dei veri campioni, come l’Accademia Kataklò, protagonisti del sabato pomeriggio con contorsioni, danza e acrobazie che hanno lasciato tutti senza fiato.

Tanti non hanno resistito e si sono fatti fotografare insieme ai campioni arrivati come ospiti speciali della Festa dello Sport: Mattia Perin, Marco Baldini, Emma Quaglia, Maurizio Felugo, Diego Negri, oppure le ex glorie rossoblucerchiate Marco Nappi, Marco Lanna.

Ma il più fotografato resta sempre lui: il nostro Giobitta, la star del Porto Antico che, per la Festa dello Sport, non si è risparmiato tra balletti improvvisati e abbracci ai più piccoli.

Sport nuovi e grandi ritorni.

I più gettonati sono stati sicuramente quelli che alla Festa dello Sport erano presenti per la prima volta o facevano ritorno dopo anni di assenza.

Nel percorso didattico di pompieropoli 1.000 aspiranti piccoli vigili del fuoco hanno superato prove di abilità; le mazze e le basi del baseball americano hanno attirato più di 750 bambini, la novità del footgolf, ha fatto giocare a calcio 700 ragazzi su un piccolo green da golf, mentre l’originale gioco di squadra del calcio balilla umano ha conquistato oltre 650 piccoli giocatori.

Tutti bagnati.

In tre giorni, abbiamo visto passare parecchi bambini con i capelli bagnati e l’aria felice. Gli sport in acqua sono sempre tra i più richiesti: le attività nautiche (in barca a vela, in gommone o in canoa) hanno collezionato in totale quasi 2.000 presenze, mentre le immersioni subacquee in piscina, che quest’anno abbiamo addirittura moltiplicato in tre diverse postazioni, hanno conteggiato quasi 800 nuotatori.

Oltre 900 i piccoli scalatori sulla parete di arrampicata che svettava in Calata Falcone Borsellino; a pochi passi di distanza, invece, quasi 800 persone hanno misurato la loro potenza al test del tiro organizzato dal Coni Liguria, mentre più di 600 ragazzi si sono divertiti nei campi di minitennis.

Sfere di tutti i tipi.

Non potevano mancare Genoa e Sampdoria che per la prima volta hanno costruito due piccoli villaggi tematici dove centinaia di calciatori in erba (ma anche tanti adulti) si sono cimentati nei tiri di precisione, in brevi partite e hanno assistito a laboratori didattici.

Il calcio è lo sport più conosciuto al mondo, quindi per questo importante compleanno della Festa dello Sport, abbiamo organizzato anche il primo Flash Mob del palleggio, dove tanti di voi hanno cercato di imitare i loro idoli in una sfida tra piede, testa e ovviamente pallone!

Poco più distante, ai Magazzini del Cotone, palle di altro formato sono volate per tre giorni: se da una parte c’era il volano del badminton, dall’altro sfrecciavano le palline di ping-pong delle numerose partite disputate.

 

Dall’oriente a Hollywood.

Abbiamo fatto tutti un viaggio in oriente con le arti orientali di karate e kung fu, tra autodifesa e altari votivi, siamo finiti in Australia con i divertenti kangoo jumps che hanno fatto saltare proprio tutti e per un tocco più da intenditori infine le cinematografiche spade luminose ci hanno fatto sentire tutti dei maestri jedi.

Ma tanti altri sport hanno colorato la Festa dello Sport: la ginnastica, i rollerblade, le minimoto, la pet therapy, la corsa in montagna, la sicurezza stradale, l’apnea, il burraco.

Ancora grazie.

Abbiamo già ringraziato i partecipanti, ma un grande riconoscimento è dovuto a tutti i nostri partner, Stelle nello Sport, UISP, Progetto Giovani, il Consorzio Sociale Agorà, gli sponsor tecnici e i media partner, oltre a tutte le associazioni, federazioni e società sportive che hanno lavorato con noi per mesi per regalare a tutti una grandiosa Festa dello Sport.

All’anno prossimo!